Di cosa parla questa newsletter

L’idea generale sulle teorie del complotto è che siano un qualcosa di pericoloso ed estremamente marginale, mentre i complottisti dei mattoidi che vanno in giro con gli occhi spalancati pensando di essere inseguiti da elicotteri neri – un po’ come Mel Gibson nel film Ipotesi di complotto.

Un assunto del genere conforta la maggior parte delle persone: noi non siamo come loro.

Ma la faccenda è molto più complicata di così. Le ricerche e gli studi più recenti dicono inequivocabilmente che il complottista, be’, può essere più o meno chiunque. E infatti chiunque - in qualche momento della sua vita - ha creduto ad almeno una teoria del complotto. In gergo, si dice “finire nella tana del Bianconiglio”.

La politica stessa e i suoi apparati statali, inoltre, trafficano da sempre con il cospirazionismo. Basti pensare a due esempi clamorosi: i Protocolli dei Savi di Sion (cioè l’architrave del complottismo moderno) sono stati fabbricati dalla polizia segreta zarista; Donald Trump, sia prima che durante la sua presidenza, ha prodotto e rilanciato una quantità impressionante di teorie del complotto.

Il punto, insomma, è che quest’ultime sono davvero inseparabili dalla politica. Come sostengono i professori Joseph Uscinski e Joseph Parent in American Conspiracy Theories, sono “tentativi di interagire con una realtà infida e sfuggente”, nonché delle “tattiche intramontabili” - a volte innocue, altre volte letali - per provare a dare un senso a un mondo molto incasinato.

Attraverso ricostruzioni, analisi, recensioni di libri e/o documentari, retrospettive e interviste, COMPLOTTI! cercherà di capire come nascono le teorie del complotto, in che modo e perché si diffondono, e cosa rivelano della società in cui viviamo.

La newsletter avrà cadenza settimanale e uscirà ogni sabato - o almeno, questa è l’idea di base. Mettendo subito le mani avanti, ogni tanto la pubblicazione potrebbe slittare per motivi di lavoro (o altro).

(A proposito di Ipotesi di complotto: anche Mel Gibson ha una newsletter sui complotti!)


Chi la scrive

Sono Leonardo Bianchi, lavoro come News Editor per VICE Italia dal 2014 e ogni tanto collaboro per Internazionale, Valigia Blu, il manifesto e altre testate. Mi occupo soprattutto di politica, attualità, estremismo, movimenti sociali e teorie del complotto.

Nel 2017 ho pubblicato il mio primo libro, La Gente. Viaggio nell’Italia del risentimento (minimum fax).

Potete trovarmi anche su Instagram, Twitter e Facebook. Dal 2008 ho anche un sito (ormai molto poco aggiornato) che si chiama La Privata Repubblica.


In caso di problemi

A volte, per colpa dei Poteri Forti, può capitare che le puntate di COMPLOTTI! finiscano nella cartella “spam” o “promozioni”; se succede, la cosa migliore da fare è salvare il contatto nella vostra rubrica.

In alternativa, basta selezionare e trascinare la mail della newsletter nella casella “Principale”; si può anche cliccare con il tasto destro, selezionare “Sposta nella scheda” e da lì “Principale”.

L’archivio delle puntate si trova qui.